Roomba i7+ di iRobot: l'intelligenza artificiale vince contro sporco e briciole | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Elettrodomestici

Roomba i7+ di iRobot: l'intelligenza artificiale vince contro sporco e briciole
07.02.2019 - Novità e anteprime

Roomba i7+ di iRobot: l'intelligenza artificiale vince contro sporco e briciole

In arrivo anche in Italia il nuovo Roomba i7+, aspirapolvere robotizzato di ultima generazione in grado di fare tutto da solo, dalla mappatura delle stanze allo svuotamento del contenitore raccoglipolvere.

iRobot Roomba

I piccoli robot domestici dedicati all’aspirazione di pavimenti, moquette e tappeti sono da sempre all’avanguardia dal punto di vista dell’utilizzo delle tecnologie dedicate all’automazione. Anche grazie all’incredibile diffusione che stanno avendo algoritmi e sistemi basati sulle intelligenze artificiali, oggi la gamma Roomba fa un ulteriore passo in avanti: il nuovo i7+ ricorda la planimetria della casa come i modelli precedenti, può essere sfruttato quando serve per pulire solo alcune stanze, può essere programmato settimanalmente, ma soprattutto provvede in maniera autonoma allo svuotamento del contenitore raccoglipolvere dopo il ciclo di pulizia, ovvero l’ultima noiosa operazione che restava ancora a carico delle persone. Di conseguenza, la base è più ingombrante di quelle deputate alla sola ricarica, perché può contenere l’equivalente di 30 contenitori pieni. La Clean Base raccoglie polvere in maniera igienica e sicura in un sacchetto chiuso. Una volta pieno l’utente riceve una notifica sul proprio smartphone tramite l’app gratuita iRobot HOME, associata all’elettrodomestico.

iRobot Roomba

Funzioni di controllo avanzato

Roomba i7+ ricorda autonomamente i punti in cui è già passato e quelli ancora da pulire: a permetterlo è la navigazione brevettata iAdapt 3.0, particolarmente fluida. Il robot è in grado poi di evitare gli ostacoli, senza però trascurare i punti più ostici da aspirare. Inoltre, grazie alla tecnologia vSLAM per la mappatura e la localizzazione simultanea, i7+ si adatta in tempo reale ai cambiamenti nella disposizione di mobili e suppellettili.
Il robot generalmente fa tutto da solo una volta avviato, volendo però l’utente può avere il controllo totale delle sue attività grazie all’app e alla funzione Imprint Smart Mapping, che consente di salvare fino a 10 piantine differenti e di assegnare dei nomi ai diversi ambienti memorizzati, singole stanze comprese. Con questo accorgimento il robot può essere spostato senza problemi in case diverse o su più piani per pulire ville e uffici di grandi dimensioni e può essere sfruttato per aspirare alcune stanze e non altre a seconda delle necessità del momento. Oppure, si può scegliere di pulire con più attenzione una determinata stanza e magari dare solo “una passata” a un’altra zona meno importante.
In un momento di grande espansione degli assistenti domestici vocali, non poteva mancare, infine, la compatibilità di Roomba i7+ con Amazon Alexa e Google Assistant per avviare la pulizia degli ambienti con la sola voce, specificando, quando serve, il nome della stanza da aspirare.