Un videogioco per Natale: il regalo perfetto per un appassionato | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Movies & Games

Un videogioco per Natale: il regalo perfetto per un appassionato
05.12.2018 - Novità e anteprime

Un videogioco per Natale: il regalo perfetto per un appassionato

Avventura, sparatutto, corse, sportivi... non c’è un argomento che non sia coperto da qualche videogioco, sempre più performante e dalla grafica spettacolare, a garantire ore e ore di puro divertimento.

Inutile negare che le attuali console sono la risposta più performante alla voglia di giocare: hanno da tempo soppiantato i PC e combattono tra di loro a colpi di Hard Disk, velocità, risoluzione e soprattutto possibilità di offrire un vasto campionario di giochi, a volte persino in esclusiva.
Esistono console di varie categorie, da quelle compatte e portatili fino a quelle top di gamma, perfette per sfruttare al meglio i videogiochi dell’ultimissima generazione, dotati non solo di motori grafici all’avanguardia ma anche sempre più innovativi dal punto di vista del soggetto e dell’ambientazione. Presentiamo qui un gruppo di videogiochi che siamo sicuri faranno la gioia di ogni appassionato.

FIFA 19

Il calcio, si sa, è lo sport nazionale. I due “top game”, FIFA e PES, si contendono da anni il settore, ed entrambi hanno ottime frecce al loro arco. Recentemente aggiornato, FIFA 19 di Electronic Arts è disponibile per PS4, Xbox One e Nintendo Switch.
L’aggiunta più importante in FIFA 19 rispetto ai capitoli precedenti della serie è certamente la UEFA Champions League, che affianca nel gioco la UEFA Europa League e la UEFA Super Cup. La nuova modalità torneo UEFA Champions League comprende tutte le fasi della competizione ufficiale, ma volendo si può competere anche in una versione personalizzata con qualsiasi club europeo a scelta tra quelli presenti nel gioco. In alternativa è possibile creare la squadra dei propri sogni in FIFA 19 Ultimate Team, sfruttando i contenuti delle competizioni per club più prestigiose al mondo.
Le nuove funzioni in FIFA 19 permettono di controllare tutto ciò che succede in campo in qualsiasi momento, sia dal punto di vista tecnico che tattico. Tra queste troviamo l’innovativo sistema Active touch, gli Scontri 50/50, il nuovo sistema Tattiche dinamiche e molte altre. Active Touch cambia radicalmente il modo di ricevere e colpire la palla, fornendo un controllo più preciso, con una maggiore fluidità e creatività. Il sistema sfrutta una serie di nuovi tocchi “di prima”, come il tocco fintato, le conclusioni al volo o animazioni specifiche per le abilità, come la Neymar Trap. Quello delle Tattiche Dinamiche è un sistema reinventato che consente di scegliere tra diversi approcci tattici, garantendo una personalizzazione ancora più profonda prima della partita, oltre a un maggior numero di opzioni per apportare modifiche durante il match.
In più, esiste FIFA Ultimate Team, la modalità scelta ogni giorno da milioni di giocatori in tutto il mondo. FUT permette di creare da zero la squadra dei vostri sogni e di usarla per competere come giocatore singolo e online, compreso le modalità UEFA Champions League ed Europa League.

Speciale gaming

Battlefield V

Sempre da Electronic Arts, disponibile per PS4, Xbox One e PC, ecco uno sparatutto in prima persona che porta tutti in un classico dei combattimenti, ovvero la Seconda Guerra Mondiale.
Questo nuovo capitolo della serie contiene sia una Campagna da giocare in singolo in cui si impersonano diversi personaggi, sia una ricchissima modalità multiplayer, che da anni ormai rappresenta il vero fulcro dell’esperienza di gioco di Battlefield. Le missioni della Campagna portano il giocatore in vari scenari del conflitto mondiale, dalle lande ghiacciate norvegesi fino ai torridi deserti dell’Africa. La modalità Combined Arms è invece una Campagna online cooperativa, con una squadra di quattro giocatori impegnata a portare a termine diversi tipi di missioni ad alto rischio.
Ricchissima come sempre la componente multiplayer, che può contare su ben sei diverse modalità di gioco. Oltre alla classica modalità Conquista, Team Deathmatch e Dominio, spicca soprattutto Operazione su vasta scala, che vede affrontarsi due squadre (attaccanti e difensori) in un grande scenario bellico caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte. E che dire di Firestorm? In questa modalità in stile battle royale fino a 64 giocatori vengono paracadutati senza armi ed equipaggiamento su mappe particolarmente ampie, dove devono recuperare il più in fretta possibile armi e quant’altro serva per sopravvivere agli altri giocatori.
Trattandosi poi di un episodio di Battlefield, non mancano mezzi bellici di ogni genere da controllare (aerei, carri armati, unità navali e terrestri) e un ampissimo arsenale, mentre la distruttibilità dell’ambiente di gioco è molto marcata.

Speciale gaming

Assassin’s Creed Odyssey

Medio Evo, Rinascimento, Rivoluzione Francese, Antico Egitto, Londra Vittoriana. La saga di Assassin’s Creed ha avuto anche il merito di trasportare milioni di giocatori in epoche passate e in luoghi remoti di enorme fascino. Nel 2018 tocca ad Assassin’s Creed Odyssey, ventesimo titolo della serie disponibile su Xbox One e PlayStation 4. Il gioco, ambientato nel 431 A.C. circa quattrocento anni prima degli eventi di Assassin’s Creed Origins, racconta una versione alternativa della guerra del Peloponneso che fu combattuta tra le città-stato dell’antica Grecia. Il giocatore veste i panni di un mercenario e potrà combattere per Atene e la Lega di Delo o per la Lega del Peloponneso guidata da Sparta. Come per i precedenti giochi della serie, anche Odyssey presenta un set narrativo ambientato nei tempi moderni e ha come protagonista Layla Hassan, introdotta nella serie per la prima volta lo scorso anno in Assassin’s Creed Origins. E proprio Origins, che ha rappresentato un nuovo inizio per la serie, ha gettato le basi anche per Odyssey, che continua sulla strada del predecessore con una grande enfasi sugli elementi da gioco di ruolo, un open world vastissimo tutto da esplorare, opzioni di dialogo multiple, missioni ramificate e diversi finali possibili.
Il giocatore può scegliere se impersonare un uomo o una donna, Alexios o Kassandra, e ha anche la possibilità di sviluppare relazioni romantiche con personaggi non giocabili, elemento impensabile nei primi episodi che dimostra come la serie abbia saputo evolversi in tutti questi anni. Inoltre, per la gioia di tantissimi fan della serie, in Assassin’s Creed Odyssey tornano le battaglie navali a bordo di navi da guerra dell’era ellenistica che hanno anche il compito di esplorare il Mar Egeo. 

Speciale gaming

Red Dead Redempion 2

Rockstar Games sta incantando i gamers con una stuzzicante proposta (disponibile per Xbox One e PS4) che porta la grafica di ultima generazione nel far west. Un gioiello non solo grafico però, visto che Red Dead Redemption 2, oltre ad assicurare decine (se non centinaia) di ore di longevità, promette una vastità della mappa di gioco, una libertà di azione e di movimento e algoritmi di intelligenza artificiale così avanzati da renderlo una vera e propria pietra miliare del genere action-free roaming.
Nei panni del fuorilegge Arthur Morgan, membro di una banda di criminali in fuga dopo un colpo finito male, siamo chiamati a spostarci in un Far West di fine ‘800 ricchissimo di attività (come la caccia) e di possibilità, non solo criminali. Il tutto con la possibilità di scegliere tra una visuale in prima o in terza persona, un sistema di combattimento estremamente innovativo e realistico e una componente multiplayer che ha tutte le caratteristiche per raggiungere una grande diffusione. Sviluppato con l’ultima versione del motore grafico proprietario RAGE, Red Dead Redemption 2 vede nel cast di personaggi anche alcuni volti noti del predecessore, tra cui il precedente protagonista John Marston. 

Speciale gaming

Call of Duty: Black Ops 4

La generazione degli sparatutto non sarebbe la stessa senza Call of Duty di Activision. Ora tocca a Call of Duty: Black Ops 4, quarto capitolo di questa saga e quindicesimo della serie di Call of Duty. A svilupparlo è Treyarch, team già responsabile dei Black Ops precedenti, che ha realizzato un gioco completamente multiplayer, senza quindi la tradizionale Campagna in singolo presente fin dagli esordi.
Nuovo sistema per la rigenerazione della salute (non più automatica), match 5 contro 5, ritorno del sistema di creazione classe a 10 slot e degli Specialisti. Ogni Specialista ha la propria abilità e il proprio gadget specifico e la loro presenza nel gioco renderà gli scontri multiplayer ancora più vari e divertenti. Il gioco include inoltre una modalità con missioni che contengono storie secondarie su vari Specialisti e che sono ambientate nello stesso mondo narrativo delle campagne della serie Black Ops, più precisamente tra gli eventi di Black Ops II e Black Ops III.
Ormai un Call of Duty non può dirsi tale senza gli zombie e infatti Black Ops 4, a dieci anni dall’introduzione dei morti viventi in Call of Duty: World at War, contiene la modalità Zombie più completa di sempre. Nuove avventure horror con nuovi personaggi e un efferato nuovo nemico, ma anche nuovi sistemi per creare e completare le sfide e un sistema social progettato per connettere tra loro i giocatori. La novità più attesa di Call of Duty: Black Ops 4 è però Blackout, la nuova esperienza multiplayer in stile battle royale che combina il tipico combattimento veloce di Black Ops con nuovi e feroci livelli di competizione per la sopravvivenza. Blackout, che vanta la più grande mappa mai creata per un gioco di Call of Duty, permette di impersonare autentiche icone della serie Black Ops e, da soli o in team, i giocatori combattono servendosi anche di veicoli da terra, aria e mare in uno spazio di gioco mai così ampio in cui trovare armi ed equipaggiamenti con un unico scopo finale: rimanere l’ultimo giocatore in vita.

Speciale gaming

Forza Horizon 4

Forza Horizon 3 aveva colpito non poco i fan della serie automobilistica di Microsoft Studios e ora tocca all’erede fare ancora meglio sempre in esclusiva su PC e Xbox One. Forza Horizon 4, ottimizzato graficamente per Xbox One X su cui gira in 4K-HDR a 30 frame al secondo o in 1080p a 60 fps, vede come ambientazione scelta dagli sviluppatori di Playground Games la Gran Bretagna. Uno scenario estremamente vario che permette di passare in poco tempo da colline a scogliere, dalle città alle highland scozzesi. Inoltre, sebbene sia possibile giocare anche offline, il bello di Forza Horizon 4 è il suo mondo online in cui ogni auto che si incontra è guidata da un altro giocatore.
Anche per questo è stata posta un’enfasi maggiore nell’interazione tra i giocatori (massimo 72 su ogni server di gioco), grazie a chat testuali che aumentano le probabilità di allacciare nuove amicizie e rivalità. A questa importante novità si aggiunge un ciclo delle stagioni estremamente dinamico e realistico, nonché comune a tutti i giocatori connessi. Stagioni che hanno un ruolo determinante nelle ambientazioni, visto che ad esempio un lago ghiacciato si può trovare solo in inverno e che, con l’asfalto bagnato tipico dell’autunno, la guida cambia profondamente. Il numero di auto disponibili comprende modelli di ogni epoca e supera quota 450, tra cui 11 modelli Aston Martin e naturalmente le Ferrari, dalla California T fino alla Barchetta del 1948. I contenuti, le sfide a cui partecipare con altri giocatori e il cambio delle stagioni rendono Forza Horizon 4 un racing game dalla longevità sconfinata e, tecnicamente parlando, è tra i più bei giochi di questa generazione, soprattutto su Xbox One X o su un PC ben “corazzato” grazie al sistema di illuminazione e al dettaglio elevatissimo delle auto e delle ambientazioni.

Speciale gaming

Marvel’s Spider-Man

In pieno boom dei film Marvel, non poteva mancare un videogioco che avesse come protagonista uno dei personaggi Marvel più amati da sempre. Marvel’s Spider-Man, esclusivo per PlayStation 4, è il nuovo gioco di azione in terza persona sviluppato da Insomniac Games (già creatori delle serie di Ratchet & Clank, Spyro the Dragon e Resistance) che vede protagonista il mitico supereroe “arrampicamuri” alle prese con una trama del tutto inedita. Dotato di una mappa di gioco estremamente vasta, questo nuovo Spider-Man è innanzitutto un titolo open-world che mischia azione e avventura e che, come sfondo narrativo, vede il supereroe alle prese con alcuni dei suoni nemici più famosi tra cui Wilson Fisk/Kingpin, Rhino, Electro, Scorpione, Avvoltoio e Mr. Negative, intenti a mettere a ferro e fuoco New York.
Oltre all’alter-ego di Spider-Man (il giovane Peter Parker), non mancano altri volti celebri della serie come Mary Jane Watson (che si potrà controllare in alcune sezioni di gioco), Miles Morales, la zia May, Norman Osborn e Yuri Watanabe. A una trama ricca di colpi di scena che non ha nulla da invidiare alle atmosfere dei fumetti e dei film di Spider-Man, il gioco di Insomniac Games offre un esaltante mix di combattimenti, azione ed esplorazione. Il combat system è molto vario e mette a disposizione del giocatore elementi come riflessi, mosse aeree e colpi distruttivi che ben si amalgamano con alcune sezioni più orientate allo stealth, con adrenalinici Quick Time Events e con un forte elemento di parkour che dà molto dinamismo agli spostamenti di Spider-Man tra le strade, i quartieri e i grattacieli di New York.

Speciale gaming

LEGO DC Super-Villains

Dopo Marvel, non poteva mancare un omaggio al mondo DC Comics. Ormai i videogiochi LEGO sviluppati da Traveller’s Tales hanno raggiunto quota 20 in 13 anni, abbracciando dal 2005 a oggi moltissime serie cinematografiche tra cui Star Wars, Indiana Jones, Harry Potter, Avengers, Il Signore degli Anelli, Batman e I Pirati dei Caraibi. Un universo in continuo divenire fatto di mattoncini colorati, puzzle e personaggi iconici che ha conquistato grandi e piccini e che oggi si rinnova con LEGO DC Super-Villains, nuovo titolo dell’infinita serie LEGO dello sviluppatore britannico disponibile per Xbox One, PlayStation 4 e Switch. Per la prima volta un titolo LEGO, escludendo alcuni livelli circoscritti in LEGO Batman: Il videogioco del 2008, offre la possibilità di vestire i panni di un supercriminale per l’intera durata del gioco, servendosi di trucchetti maligni e portando il caos in una divertentissima storia ricca d’azione scritta in collaborazione con DC Comics. The Joker, Harley Quinn, Lex Luthor, Deathstroke, Killer Frost, Sinestro e molti altri personaggi della “Injustice League”: i giocatori partiranno verso un’epica avventura per fare in modo che la loro malvagità rimanga ineguagliabile. Abbandonandosi alla loro parte supercriminale, i giocatori affronteranno nemici, risolveranno rompicapo e supereranno ostacoli usando scherzi sinistri e tecniche che si gustano al meglio quando si vestono i panni dei cattivi.​​ Inoltre, per la prima volta in un gioco LEGO, è possibile creare il proprio supercriminale personalizzato all’inizio del gioco, oppure si può scegliere uno tra quelli già disponibili da usare come protagonista e fulcro della storia. Non manca poi la possibilità di modificare l’aspetto, lo stile, le abilità e la storia per dare al giocatore la massima libertà di personalizzazione del proprio alter ego.

Speciale gaming

Starlink: battle for Atlas

Non poteva mancare un videogioco ambientato nello spazio, e con un qualcosa in più. Da una parte i cosiddetti toys-to-life, giocattoli con i quali interagire con un videogioco che tanto successo hanno avuto negli ultimi anni tra i giocatori più piccoli (si pensi solo a Skylanders o a LEGO Dimensions). Dall’altra l’esplorazione spaziale libera, avventurosa e affascinante in stile No Man’s Sky. Due elementi che, se messi insieme, possono far meglio capire cosa sia Starlink: Battle for Atlas, nuovo e intrigante action-adventure di Ubisoft disponibile per PlayStation 4, Xbox One e Switch.
In Starlink: Battle for Atlas il giocatore è a capo di un’eroica squadra di piloti interstellari con l’obiettivo di liberare il sistema solare Atlas dalla Legione Dimenticata. Il suo leader è Grax, che vuole entrare in possesso di antiche tecnologie aliene dal potere inimmaginabile e portare la Legione Dimenticata a dominare su Atlas, esattamente come fecero millenni prima i misteriosi Guardiani. Si inizia a esplorare un pianeta sconosciuto dove si fa la conoscenza con alcuni alieni con i quali è possibile stringere alleanze, uno degli elementi fondamentali per avere la meglio sulla Legione Dimenticata. Grax non è però l’unico nemico da affrontare, visto che ogni pianeta di Atlas è abitato da creature che possono rivelarsi tutt’altro che amichevoli.
Oltre alla fase di esplorazione molto libera di Atlas e dei pianeti, visitabili sia da vicino con un volo a bassa velocità, sia dall’atmosfera, in Starlink: Battle for Atlas si deve combattere con una visuale in terza persona a bordo di una navicella spaziale, di cui è possibile cambiare equipaggiamenti e piloti. Ognuno di questi elementi ha caratteristiche uniche e ciò vale in modo particolare per i piloti, che possono sviluppare diverse abilità cruciali sul campo di battaglia. Se tutto questo rappresenta il cuore del gameplay del gioco, uno degli aspetti più stuzzicanti di Starlink: Battle for Atlas è la presenza dei cosiddetti modular toys che si interfacciano direttamente con il gioco. Basta collegare questi giocattoli a forma di navicelle spaziali e di personaggi al controller della console per vederli immediatamente comparire nel gioco.

Speciale gaming