Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Movies & Games

Final Fantasy XIV - A Realm Reborn, ritorno a Eorzea
27.08.2013 - Novità e anteprime

Final Fantasy XIV - A Realm Reborn, ritorno a Eorzea

Final Fantasy XIV

La travagliata gestazione di Final Fantasy XIV è finalmente giunta al termine. Dopo il rilascio di Final Fantasy XIV nel 2010 per PC, e i dubbi subito sorti a causa della qualità generale del MMORPG di Square Enix e la decisione successiva di dare vita a una versione 2.0 del gioco nel minor tempo possibile; ecco che gli appassionati della saga di Final Fantasy possono finalmente tornare sul pianeta Hydaelyn, nella regione di Eorzea, riaperta con l’uscita di A Realm Reborn.

Final Fantasy XIV

Lo sforzo produttivo di Square Enix, che ha impiegato enormi risorse per modificare Final Fantasy XIV, è stato ripagato da feedback dalla comunity di appassionati fin da subito entusiasti riguardo la strada imboccata dal team di oltre 250 persone guidato da Naoki Yoshida, ex sviluppatore della serie Dragon Quest e di Final Fantasy XI.
Diversamente da Final Fantasy XIV, la versione PC di A Real Reborn uscirà dopo circa sei mesi dalla controparte PS3 appena giunta nei negozi, con quella PS4 a seguire nel corso del 2014.

Final Fantasy XIV

Oltre al motore grafico e al netcode, Square Enix ha rivisto anche l’ambiente di gioco, il concept design del mondo in cui ci si trova calati e l’interfaccia grafica, dando al tutto un look molto più coerente e fortemente ispirato a quei tratti distintivi che hanno reso Final Fantasy una saga RPG amatissima in tutto il mondo.
Un grande punto di forza di Final Fantasy XIV - A Realm Reborn è sicuramente rappresentato dalla presenza di una storia ricca di avvenimenti e ben raccontata che guida il giocatore nell’esplorazione di Eorzea.
Il mondo di Hydaelyn, oltre ad offrire grande varietà di paesaggi, è puntellato da città nelle quali sbloccare quest, parlare con gli NPC (i personaggi non giocanti controllati dal computer), migliorare le proprie abilità e l’equipaggiamento e altro ancora, non prima di aver creato il proprio alter ego digitale scegliendo tra una delle cinque razze esistenti alla quale poi abbinare una classe di appartenenza, che potrà comunque essere cambiata nel corso del gioco semplicemente brandendo un’arma primaria diversa.

Final Fantasy XIV

Le classi principali sono quattro – Disciples of War, of Magic, of Land, of Hand – e sono ulteriormente personalizzabili a secondo dello stile di combattimento prediletto dal videogiocatore.
Gli amanti delle quest apprezzeranno la nuova via intrapresa da A Realm Reborn che mette sul piatto, fin da subito, tantissime missioni e sotto-missioni da affrontare da soli o in compagnia di amici online, con le quali fare esperienza, trovare oggetti e guadagnare i “gil” (i soldi) necessari per acquistare un equipaggiamento migliore e far crescere così il proprio personaggio.

Final Fantasy XIV

Nonostante le difficoltà dal punto di vista tecnico e di programmazione che il genere MMORPG porta con sé – grandi ambienti da tenere in memoria, caricamenti delle nuove aree, molti personaggi a schermo – la versione PS3 se la cava bene; merito del nuovo motore grafico, più snello e scalabile, che riesce spesso a restituire scorci e panorami di grande impatto.
Menzione d’onore finale per il sistema di controllo via joypad, ottimamente studiato da Square Enix tanto da non far rimpiangere la combo mouse+tastiera (comunque utilizzabile) nonostante il gran numero di comandi e menu utilizzabili durante una partita.

Final Fantasy XIV

SCHEDA DEL GIOCO

Genere: Gioco di Ruolo Online
Sviluppatore: Square Enix
Publisher: Square Enix
Giocatori: 1
Lingua audio: inglese
Lingua testi: inglese
Lingua manuale: inglese
Piattaforme: PlayStation 3, Playstation 4 (2014)
PEGI: 16+


TRAILER