Samsung al CES 2019: tante idee innovative per un futuro guidato dall'Intelligenza Artificiale | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Samsung al CES 2019: tante idee innovative per un futuro guidato dall'Intelligenza Artificiale
14.01.2019 - Novità e anteprime

Samsung al CES 2019: tante idee innovative per un futuro guidato dall'Intelligenza Artificiale

Negli spazi espositivi del colosso sudcoreano, a Las Vegas, anche quest’anno debuttano alcune invenzioni tecnologiche sviluppate all’interno di C-Lab, il laboratorio Samsung dedicato all’innovazione.

Samsung CES 2019

Samsung continua a sfornare e testare nuove idee che vedremo materializzarsi sugli scaffali nel prossimo futuro. Tra quelle presentate in anteprima al CES di Las Vegas di gennaio 2019 c’è Girin, un supporto per monitor in grado di regolarsi da solo per aiutare chi lavora al computer a mantenere una postura corretta che non affatichi la vista ma soprattutto la schiena e il collo. Come? Grazie a un sensore che sfrutta tecnologie basate sull’intelligenza artificiale. Girin è in grado di monitorare alcuni parametri, come la posizione delle spalle di chi siede di fronte, regolando di conseguenza distanza e inclinazione del monitor e persino il livello di luminosità della lampada da tavolo integrata, che può cambiare in base all’attività, modificandosi se ad esempio si passa dalla scrittura alla visione di un film.

Parlando di lampade da tavolo intelligenti Samsung sta lavorando su Alight, una luce da tavolo che osserva e interpreta le azioni dell’utente attraverso una fotocamera e alla tecnologie I.A., andando a regolare la luminosità in modo che sia ottimale per la lettura piuttosto che per il disegno o il relax.

L’intelligenza Artificiale è dappertutto

Tra le tendenze che guidano questa nuova edizione del CES, la fiera di elettronica di consumo più grande e attesa in occidente, c’è indubbiamente l’Intelligenza Artificiale. La ritroviamo in moltissimi prodotti, da quelli che saranno in negozio tra pochi mesi a quelli ancora in fase di test. Quest’anno sono otto i progetti legati all’intelligenza artificiale sviluppati all’interno del laboratorio C-LAB, dedicato alla sperimentazione delle idee più innovative delle menti che lavorano per Samsung. Oltre al supporto Girin c’è aiMO, uno strumento per la registrazione di suoni che utilizza un supporto a forma di orecchio umano, da applicare allo smartphone come fosse una custodia. Sempre dedicato ai professionisti del suono c’è il software Medeo, che sfrutta l’intelligenza artificiale per aggiungere automaticamente effetti e musica ai video durante la registrazione, accorciando i tempi di editing e consentendo una sorta di editing istantaneo, anche grazie al riconoscimento automatico di molte scene e soggetti.

La tecnologia può essere un valido aiuto per coloro che hanno disabilità sensoriali: in quest’ottica i tecnici Samsung stanno lavorando a SnailSound, un assistente digitale che va incontro alle persone affette da disturbi dell’udito elaborando i suoni perché siano meglio percepiti dall’utente, andando ad esempio a minimizzare i rumori di fondo e amplificare le frequenze di interesse che altrimenti si rischierebbe di perdere, come la voce di una persona che sta parlando.
Nel campo dei 5 sensi troviamo poi Perfume Blender, dispositivo dotato di un algoritmo evoluto in grado di ricavare la ricetta di una fragranza su misura a partire da semplici ingredienti comuni, selezionati tra i profumi che si amano di più. Da utilizzare con l’ausilio di un’app per smartphone. Sempre restando nei servizi dedicati alla singola persona c’è Prismit, uno strumento basato su I.A. che cerca le notizie non tanto in base al loro indice di gradimento (ovvero lettura) e diffusione e neppure alla data di pubblicazione, ma utilizzando come primo criterio l’attinenza a un dato argomento, facilitando l’approfondimento di un tema, con tanto di timeline per avere sott’occhio la scansione temporale di eventi e notizie, così da ottenere una più chiara visione del contesto e dello sviluppo di un certo tema.

Tisplay invece è pensato per le aziende e offre un sistema che permette di aggiungere ai video in diretta streaming pubblicità che riguardano gli oggetti ripresi. L’applicazione dell’annuncio può essere molto creativa, perché può essere realizzata, ad esempio, come una sovraimpressione che appare sui vestiti di una persona intervistata, come se la pubblicità fosse un motivo decorativo stampato sull’abito. Un’intelligente alternativa ai pop-up che invece disturbano la visione.

Samsung CES 2019