Smart working, lavorare da casa circondati dalla tecnologia | Euronics

Importanti informazioni su ordini, consegna e installazione. Clicca e scopri di più

Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Smart working, lavorare da casa circondati dalla tecnologia
13.03.2020 - Novità e anteprime

Smart working, lavorare da casa circondati dalla tecnologia

Scopriamo insieme come la tecnologia ci aiuta a lavorare da casa come se fossimo in ufficio.

Il lavoro da casa, o smart working, rappresenta un nuovo approccio al mondo del lavoro. Grazie alla tecnologia è possibile svolgere il proprio lavoro tra le mura domestiche o in un luogo che non sia l’ufficio, risparmiando il tempo solitamente dedicato agli spostamenti per dedicarlo a se stessi, a tutto vantaggio della produttività e della soddisfazione lavorativa. Prima dgi addentrarci nell’esaminare quali sono le tipologie di prodotti indispensabili per poter lavorare comodamente da casa, passiamo in rassegna alcune regole generali che aiutano a ottimizzare l’esperienza di smart working:
• Cercare di ricavare in casa una postazione dedicata nella quale delimitare il proprio ambiente lavorativo 
• Attivare una routine giornaliera che consenta di entrare mentalmente in “modalità lavoro”, ad esempio evitando di rimanere in pigiama o di tenere la TV accesa
• Non isolarsi completamente ma mantenere contatti con i colleghi via chat o mail
• Fare brevi pause di circa 5 minuti ogni 25 minuti circa e poi, dopo due ore, prendersi una pausa più lunga (tecnica del pomodoro). In questo modo si mantiene sempre alto il livello di concentrazione sul lavoro
• Visto che si è a casa propria, approfittare delle pause per sgranchirsi e fare un po’ di stretching, tanto nessuno ci guarda

 

SMART WORKING: TUTTO PARTE DAL NOTEBOOK

smart working

Oggigiorno il computer è il centro nevralgico in tantissimi ambiti lavorativi ma quale che sia il settore in cui si opera le caratteristiche principali che deve avere un computer idoneo per lo smart working sono bene o male uniformi: essere innanzitutto portatile, dotato di una buona potenza in termini di processore e RAM per offrire prestazioni adeguate anche con più programmi aperti, essere dotato di una scheda di rete wireless di ultima generazione con protocollo “ac” per sfruttare al massimo la velocità offerta dalle connessioni internet su fibra, avere un buon numero di porte USB ad alta velocità (3.0 o superiore) e di ultima generazione di tipo C per offrire versatilità nel collegamento di periferiche esterne, integrare uno schermo con risoluzione Full HD o superiore così da avere un desktop definito e con una piacevole densità di pixel, avere una tastiera con tasti dalla digitazione precisa e un touchpad multigesture ampio e versatile.
Altre caratteristiche che potrebbero essere utili per alcune tipologie di utilizzatori sono la presenza di uno slot SIM per usare una scheda dati 4G e quindi avere sempre a disposizione l’accesso a internet in mobilità e l’integrazione della tecnologia touch nel display, che ad esempio per chi lavora nella creatività potrebbe rappresentare un importante valore aggiunto.

 

IL TABLET, L’ALTERNATIVA LIGHT AL NOTEBOOK

smart working

Il successo dei tablet ha contribuito a rinfrescare e rinnovare profondamente l'intero settore informatico, con apparecchi inediti, dal design innovativo e capaci di sintetizzare alla perfezione la crescente necessità degli appassionati di tecnologia in mobilità di poter contare su device leggeri, super-portatili, sempre connessi e multiuso, adattabili a seconda delle esigenze del momento. Sono nate così molte variazioni sul tema del classico concetto di tablet e di notebook: i tablet “lisci”, ai quali poter eventualmente aggiungere accessori ad hoc per ampliarne le funzionalità, i device trasformabili 2-in-1, ossia device costituiti da un tablet e una tastiera/dock dedicata che, una volta agganciata, trasforma l'apparecchio in un notebook ultraportatile, e quelli convertibili, portatili dove lo schermo touch non si stacca dalla tastiera/dock ma ruota, si ribalta, sia apre a scatto o si sdoppia.

 

L’UNIONE FA LA FORZA

Un notebook da solo può permetterci di lavorare da casa ma la massima efficienza e produttività la si raggiunge corredandolo con i giusti accessori.
MOUSE: il dispositivo di puntamento per eccellenza che spesso risulta più comodo anche del miglior touchpad integrato in un notebook. I modelli senza filo sono sicuramente comodi, pratici e aiutano a sgombrare la scrivania di antiestetici cavi. Chi ama le personalizzazioni ci sono svariati modelli dotati di più tasti programmabili, con i quali poter avere sempre a portata di dito le funzioni dei programmi che si usano più spesso. Altra caratteristica importante da considerare nella scelta di un mouse è la superficie su cui verrà utilizzato, poiché ci sono mouse in grado di funzionare su praticamente ogni tipo di materiale (anche il vetro) ma hanno un costo superiore, quindi se questa caratteristica non è necessaria se ne può fare anche a meno. Anche la forma è importante, con modelli più o meno ergonomici e sagomati per essere impugnati da destri, mancini o ambidestri e più o meno compatti, visto che c’è chi preferisce impugnare il mouse con tutto il palmo e chi predilige forme più minute per muovere il mouse con la punta delle dita.

smart working

CUFFIE CON MICROFONO: per chiamare i colleghi o ascoltare un po’ di musica sono indispensabili delle cuffie con microfono integrato, che possono essere con e senza filo. Le seconde solitamente sfruttano la connessione Bluetooth ma ci sono anche modelli dotati di mini ricevitorie Wi-Fi, che offre una portata maggiore ma occupa uno slot USB. Molto apprezzati anche gli auricolari wireless, che possono essere utilizzati anche al di fuori dell’ambito lavorativo da tutti coloro che non amano andare in giro con cuffie troppo voluminose.

smart working

MONITOR ESTERNO: sia che si usino programmi prettamente da ufficio come fogli di calcolo, di scrittura e di navigazione web sia che si lavori nel campo della creatività, grazie a un monitor esterno è possibile migliorare notevolmente la propria efficienza lavorativa. Il monitor aggiuntivo, la cui diagonale normalmente è compresa tra i 24 e i 28 pollici, una volta collegato al notebook tramite un cavo HDMI consente di duplicare il desktop del PC così da avere una doppia superficie di lavoro dove posizionare più programmi e finestre, a tutto vantaggio della praticità. Molto interessanti i monitor 4K, ora sempre più abbordabili come costo, che grazie alla risoluzione di pixel quattro volte superiore rispetto al Full HD permettono di visualizzare a schermo molte più finestre contemporaneamente e di sfruttare il desktop in un modo del tutto nuovo.

smart working

<