Apple aggiorna i MacBook Air, adesso ancora più potenti, più a lungo | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Apple aggiorna i MacBook Air, adesso ancora più potenti, più a lungo
06.05.2014 - Novità e anteprime

Apple aggiorna i MacBook Air, adesso ancora più potenti, più a lungo

Come gli appassionati di tecnologia ben sanno, a cadenza abbastanza regolare Apple mette mano all’interno dei suoi computer portatili MacBook e all-in-one iMac per aggiornarne i principali componenti hardware lasciando però invariato lo chassis. In questo modo la casa di Cupertino fa sue le ultime novità in fatto di processori, connettività e storage senza dover ogni volta estrarre dal cilindro nuove soluzioni di design. A fine aprile sono stati i MacBook Air a beneficiare di svariati update ai componenti celati sotto la sottile scocca rastremata di soli 1,7 cm (nel punto più spesso), che hanno interessato sopratutto le prestazioni con processori di ultima generazione, maggiore autonomia della batteria, unità di storage a stato solido più veloci e connettività anch’essa più veloce. Il tutto a un prezzo ritoccato verso il basso.


L’uso dei processori Intel Core i5 e Core i7 di quarta generazione (Haswell) non solo consente ai nuovi MacBook Air da 11 e 13 pollici di gestire con maggiore efficacia file video in alta definizione o di lanciare giochi di ultima generazione senza tentennamenti grazie al chip Intel HD 5000 integrato ma ottimizza anche i consumi della batteria, che così raggiunge le 12 ore di autonomia nel modello da 13” e le 9 ore in quello da 11”. A questi risultati concorre poi un terzo fattore, ovvero le unità di memoria flash usate per lo storage, più efficienti nei consumi, dotate di una capienza che può arrivare fino a 512 GB e con una velocità di accesso ai dati fino a nove volte più rapida rispetto ai dischi fissi tradizionali. 


Non sono cambiati altri tratti distintivi dei MacBook Air, come il modulo Wi-Fi pienamente compatibile con lo standard “ac”, caratterizzato da una portata e copertura del segnale superiore rispetto allo standard “n” e di una velocità di trasferimento file senza fili fino a 1.300 Mbps, la tastiera retroilluminata, l’ampio trackpad multi-touch e le connessioni, che sul modello da 13” contemplano ben due USB 3.0, una Thunderbolt e lo slot per schede SDXC; senza dimenticare il plus non da poco rappresentato dalle suite iLife e iWork complete e di serie su tutti i nuovi Mac, con le quali gestire, creare ed editare file audio/video e di produttività personale in maniera semplice e professionale.