Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Apple rafforza il suo ecosistema con iOS 8 e OS X Yosemite
04.06.2014 - Novità e anteprime

Apple rafforza il suo ecosistema con iOS 8 e OS X Yosemite

iOS 8 e OS X Yosemite sono i due pilastri sui quali ha poggiato l’attesa presentazione che Apple ha tenuto il 2 giugno all’interno dell’ormai storico Moscone Center di San Francisco, nel quale è in corso l’annuale Worldwide Developers Conference, la conferenza dedicata agli sviluppatori della casa di Cupertino. Benché in passato non siano mancati annunci di nuovi device, il WWDC si è sempre focalizzato maggiormente sul software, che Steve Jobs ha definito, durante l’evento del 2011, come “l’anima presente all’interno dei nostri dispositivi, dove l’hardware invece ne rappresenta il cervello”. Largo quindi a iOS 8, definita come la release più importante dal lancio dell’App Store e dedicata a iPhone, iPad e iPod touch, e OS X Yosemite, per i computer Mac. Entrambi i sistemi operativi saranno disponibili questo autunno per il download gratuito, con iOS 8 che potrà essere installato su praticamente tutti i device portatili Apple con iOS 7, ad esclusione dell’iPhone 4.

apple ios 8, os x yosemite

Dopo la rivoluzione grafica e di design dell’interfaccia apportata da iOS 7, con iOS 8 Apple va ad aggiungere svariate funzioni a buona parte delle app preinstallate, strizza l’occhio con ancora più decisione al tema fitness e salute - il quale però verrà molto probabilmente affrontato con la dovuta enfasi il prossimo autunno con l’uscita dei nuovi dispositivi, iPhone 6 in primis -, e rafforza l’ecosistema Apple interagendo con grande efficacia con OS X Yosemite. Tra le novità più significative abbiamo le app Immagini e Libreria Foto iCloud che sfruttano a fondo lo spazio sulla nuvola, consentendo la sincronizzazione di tutte le foto e i video su tutti i dispositivi Apple dell’utente, l’app Messaggi permette l’invio con semplici gesti di messaggi vocali, la condivisione di foto e video e la gestione delle conversazioni di gruppo, mentre Salute raccoglie in un’unica app le informazioni provenienti dalle varie app dedicate alla salute e dai dispositivi di fitness utilizzati insieme al device Apple, così da fornire un quadro più completo e di facile consultazione. Ma c’è di più, visto che iOS 8 offre agli sviluppatori, con HealthKit, la possibilità di far dialogare tra loro le app per la salute e quelle per il fitness così da offrire all’utente, ad esempio, un allenamento su misura incrociando le prestazioni sportive con i dati legati al ciclo di sonno o all’alimentazione. Apple ha poi rinnovato totalmente la tastiera QuickType, che sfrutta un’avanzata funzione di immissione predittiva e con In Famiglia si possono condividere informazioni all’interno di un gruppo famigliare come note, foto o calendari ma anche i contenuti acquistati su App Store, iTunes e iBooks. Sempre in tema di contenuti sulle nuvola, iCloud si evolve in iCloud Drive, uno spazio nel quale sarà possibile anche archiviare, accedere e modificare i documenti personali da piattaforme iOS, Mac e PC Windows.


Il secondo protagonista dell’evento Apple è stato OS X Yosemite, il successore di OS X Mavericks per i computer Mac. Yosemite presenta svariate migliorie sia “sotto il cofano”, a livello di codice, che grafiche, con una profonda revisione del design generale, ma ciò che ha maggiormente stupito riguarda l’integrazione ancora più forte del mondo OS X con quello iOS grazie alla funzione Handoff. Con Handoff è infatti possibile iniziare un’attività su un device Apple, come un iPhone, e continuarla su un altro, come un MacBook Air, senza essersi persi nemmeno una virgola, con il plus, una volta abbinati i dispositivi Apple desiderati, di poter rispondere a una chiamata o a un SMS direttamente dal proprio computer Mac, che funzionerà come un evoluto vivavoce per il telefono, magari in carica in un’altra stanza. Seguendo la filosofia di chiarezza e minimalismo come centro dell’esperienza d’uso, OS X Yosemite presenta nuove icone, elementi traslucidi e un carattere di sistema che favorisce la leggibilità su ogni tipo di schermo. Le novità principali a livello di app e funzioni riguardano invece la vista Oggi del Centro Notifiche con widget dedicati alle informazioni più importanti per l’utente, iCloud Drive integrato nel Finder e che funziona come una normale cartella di sistema, la nuova vista Preferiti e Tab di Safari, dotato anche di strumenti evoluti per il controllo della privacy, mentre Mail semplifica l’editing e l’invio di allegati anche di grosse dimensioni e la compilazione di moduli tramite le funzioni Mail Drop e Markup.

apple ios 8, os x yosemite

A queste due grosse novità dedicate al grande pubblico di appassionati di tecnologia, si aggiunge infine la doverosa menzione per quello che, forse, è stato l’annuncio più importante della serata, ovvero la disponibilità per gli sviluppatori di svariati strumenti per la realizzazione di applicazioni sempre più potenti, evolute e nel contempo semplici da programmare. Swift, Metal e le 4000 api presentate da Apple non significano molto per l’utente finale, ma sono gli strumenti che consentiranno un lavoro migliore e più efficace alle moltissime persone che, come giustamente riconosciuto sul palco da Tim Cook, hanno reso Apple, iOS e le sue app quello che sono oggigiorno.

scopri altre novità su Apple