Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Facebook è pronto a mettere il turbo al suo motore di ricerca con Graph Search
23.01.2013 - Novità e anteprime

Facebook è pronto a mettere il turbo al suo motore di ricerca con Graph Search



Come massimizzare l’utilità dell’incredibile mole di informazioni disponibili e memorizzate in ogni singola pagina di Facebook, aiutando le persone iscritte al re dei social network nel trovare quello che cercano in maniera facile e intuitiva? Questa domanda è stata la scintilla che ha portato Mark Zuckerberg e il suo team a un lungo ed elaborato processo di rinnovamento e ottimizzazione del motore di ricerca interno di Facebook, materializzatosi a metà gennaio con il nome di Graph Search (“Ricerca tra le connessioni” la probabile traduzione in italiano). Pur essendo al momento disponibile in versione beta e solo in lingua inglese per un ristretto numero di utenti, le potenzialità di Graph Search sono state ampiamente illustrate da Zuckerberg nel corso di una recente presentazione stampa.
Tutto è partito dalla considerazione che Facebook punta a mettere in contatto le persone che si conoscono ovunque esse siano sparse in giro per il mondo ma soprattutto vuole mettere a loro disposizione gli strumenti per "mappare" le attività e tutto quanto avviene su Facebook così da rendere ogni tipo di informazione che si può voler cercare facile da trovare e molto precisa nei risultati.



Che si tratti di contatti, Mi piace, foto, video, link, commenti, check-in e così via, Facebook, con il nuovo motore di ricerca Graph Search, offre la possibilità di compiere attività, scoprire posti, soddisfare i propri interessi e anche, ovviamente, conoscere nuove persone partendo da ricerche personali molto specifiche, dettagliate e delimitate a ciò che interessa.
All’interno della barra di Graph Search è quindi possibile scrivere frasi come "Quali dei miei amici di Roma ascoltano la musica metal", oppure "In quali foto dal 1990 in poi compare Mario Rossi" per ottenere i risultati desiderati, con questo nuovo motore di ricerca che in pochi secondi scandaglia tutti i contenuti pubblici e visibili del proprio profilo e di quello dei propri contatti prima di mostrarli in una pagina ad hoc, la cui intestazione può anche essere cambiata, personalizzata e poi condivisa con gli amici desiderati.
Si tratta di un concetto molto diverso rispetto al classico motore di ricerca, che punta a restituire il risultato migliore in base alle parole chiave inserite nella bara di ricerca: Graph Search utilizza le parole chiave inserite con un linguaggio colloquiale e le rapporta a tutti i contenuti dello sterminato database di Facebook, incrociando i risultati e scremando dinamicamente quello che non deve essere visualizzato, venendo assistito in questo compito da Bing, il motore di ricerca di Microsoft.



Molta attenzione è stata posta al rispetto della privacy, tema sempre alquanto spinoso quando si parla di social network. Facebook con Graph Search ha seguito un principio molto semplice e trasparente: il motore di ricerca indicizza e mostra solo quello che è stato reso pubblico e visibile e che quindi potrebbe essere trovato manualmente sapendo esattamente dove andare a cercare.
E se qualche informazione, foto, Mi piace e così via viene modificato nel corso del tempo, Graph Search ne tiene conto e lo include o elimina dai suoi risultati. Essendo ancora in beta ristretta, Graph Search al momento si limita a indicizzare quattro aree principali di Facebook quali Persone, Foto, Luoghi e Interessi, con altre categorie come singoli messaggi o le canzoni ascoltate che verranno implementati nei prossimi mesi. Per mettersi in lista di attesa e provare Graph Search non appena la beta diventerà meno esclusiva è sufficiente iscriversi qui: https://www.facebook.com/about/graphsearch