File sempre con sé grazie al cloud: cosa sono, come funzionano e cosa offrono i migliori servizi 'sulla nuvola' | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

File sempre con sé grazie al cloud: cosa sono, come funzionano e cosa offrono i migliori servizi 'sulla nuvola'
25.07.2012 - Guide e tutorial

File sempre con sé grazie al cloud: cosa sono, come funzionano e cosa offrono i migliori servizi 'sulla nuvola'

Servizi cloud

Al giorno d’oggi, grazie a strumenti come smartphone, tablet e notebook ultraleggeri e alla proliferare di linee Wi-Fi e 3G sempre più veloci e capillari è facile poter accedere ai propri file in mobilità.
Per contro, l’uso, da parte di uno stesso utente, di tutti questi dispositivi rischia di moltiplicare e frammentare il posizionamento e il salvataggio di tali file, con, ad esempio, un foglio di calcolo utilizzato per un preventivo che rischia di essere presente sia sul tablet che sul notebook in due versioni differenti e discordanti, con le evidenti seccature del caso.
Discorso analogo per la musica, che spesso è sparsa su svariati dispositivi, con doppie o triple copie che occupano spazio prezioso causando tra l’altro un generale senso di disordine della propria libreria audio.

Una buona soluzione per risolvere questi e altri inconvenienti viene offerta dal cloud, ovvero uno spazio fisico posto su server esterni raggiungibile in ogni momento, 24 ore su 24, usando una connessione Internet di qualunque genere.
La comodità del cloud è data dalla funzione di sincronizzazione e centralizzazione dei file salvati, che possono essere aperti, modificati e scaricati dall’utente da qualsiasi postazione e con qualsiasi apparecchio, con la certezza che ogni cambiamento apportato nello spazio cloud avverrà in tempo reale. Il documento aperto a lavoro con il PC desktop può così essere salvato, chiuso e riaperto a casa sul tablet potendo riprendere dal punto esatto in cui ci si era fermati, senza la preoccupazione di dover salvare il file su una chiavetta USB o doverselo inviare via mail.
A ciò si aggiunge la natura collaborativa del cloud che consente a chiunque abbia i permessi di accesso ai file caricati sul proprio spazio personale di apportare modifiche, inserire annotazioni e caricare altri contenuti, che come sempre saranno visibili in tempo reale, subito dopo l’upload e la sincronizzazione automatica.

Che il cloud sia il tema caldo del momento lo dimostra l’interesse di tutti i big del settore informatico che hanno affiancato, con lo loro proposte cloud, servizi storici che hanno fatto da apripista al salvataggio di file e documenti online per facilitare la condivisione e la sincronizzazione del proprio materiale.
Attualmente l’offerta è varia e vede pionieri come SugarSync e Dropbox affiancati da giganti come Google, Apple e Microsoft, giusto per citare i servizi più famosi disponibili anche in Italia. Andiamo a scoprire cosa offrono tutti questi gestori di spazio sulla nuvola. 

Dropbox

Servizi cloud

Quello che può essere considerato il capostipide dei servizi cloud offre un’app da scaricare sul computer o su svariati dispositivi mobili con la quale accedere al proprio spazio cloud e gestirne il contenuto proprio come se si stesse armeggiando con una cartella presente sul disco fisso del proprio apparecchio.
Al momento della registrazione si ottengono 2GB di spazio gratuiti, che possono essere incrementati di 500MB fino a un massimo di 20GB con il sistema dei referral invitando amici a utilizzare il servizio, oppure acquistando uno dei pacchetti di espansione a pagamento (https://www.dropbox.com/pricing).

SugarSync

Servizi cloud

Pur essendo il servizio meno conosciuto, da molti è considerato come il migliore grazie sopratutto alla possibilità di condividere file e cartelle senza la necessità di doverli spostare nella cartella di riferimento centralizzata che viene creata installando l’app, disponibile per praticamente ogni sistema fisso e mobile. Alla sottoscrizione si ottengono 5GB gratuiti, espandibili con i piani a pagamento (https://www.sugarsync.com/plans/), ed è possibile effettuare lo streaming dei file multimediali condivisi e proteggere con password ogni singolo elemento sincronizzato.

Apple iCloud

Servizi cloud

Tra i “Big del settore”, Apple è quella che ha perso meno tempo intuendo rapidamente le potenzialità di un servizio delocalizzato, nel quale l’utente potesse sincronizzare i contenuti presenti sui suoi apparecchi. Ogni possessore di un dispositivo Apple ha a disposizione 5GB gratuiti sui quali archiviare, anche in maniera automatica, foto e video catturati con iPhone o iPad e sincronizzare elementi quali la rubrica, le e-mail, il calendario, documenti vari e, in generale, tutto ciò che può essere considerato utile ai fini di un backup completo della propria vita digitale e delle impostazioni memorizzate sui vari device.
Uno dei maggiori punti di forza di iCloud consiste nella possibilità di condividere con i dispositivi abilitati tramite il proprio ID Apple i contributi scaricati dall’App Store e di ascoltare in streaming la propria musica sincronizzata con iTunes grazie alla funzione iTunes Match. Lo stesso brano può quindi essere acquistato sull’iPad mentre si è a casa e poi, una volta usciti, ascoltato sull’iPad, senza dover scaricare nulla. Non mancano le opzioni a pagamento per aumentare lo spazio cloud (Apple cloud).

Google Drive

Per essere una società che ha fatto dei servizi web-only uno dei suoi maggiori punti di forza, Google ci ha messo un po’ per presentare la sua offerta cloud, ovvero Google Drive, che però non ha deluso le aspettative. Plus del servizio è la forte condivisione di ogni tipo di contenuto salvato nella cartella Drive, con la possibilità di operare in maniera collaborativa con colleghi e amici sullo stesso file di testo, foglio di calcolo, presentazione o quant’altro vedendo le modifiche in tempo reale e potendo chattare in un’area dedicata per scambiarsi pareri e indicazioni. I file supportati che vengono convertiti da GDrive e resi “collaborativi” sono più di 30 e il tutto avviene attraverso il browser, quindi non c’è bisogno di installare alcunché, se non l’app disponibile per dispositivi Apple, Android e PC. L’offerta base mette a disposizione 5GB di spazio, da aumentare fino a 100GB con gli abbonamenti a pagamento (www.drive.google.com).

Microsoft SkyDrive

Servizi cloud

Pur essendo disponibile da svariati anni, il servizio SkyDrive di Microsoft si è evoluto solo recentemente in un’offerta cloud completa, mettendo a disposizione di ogni utente 7GB di spazio gratuito da aumentare fino a 100GB con le offerte a pagamento disponibili, che risultano le più concorrenziali del lotto. Con SkyDrive è possibile archiviare ogni tipo di file in cartelle private o pubbliche da creare ad hoc e condividere a piacimento, effettuare lo streaming dei contenuti multimediali e agire anche su alcune tipologie di documenti Office direttamente tramite browser usando le web app sviluppate da Microsoft.