Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Informatica e SmartHome

Il nuovo standard Usb 3.0 SuperSpeed
23.12.2010 - Guide e tutorial

Il nuovo standard Usb 3.0 SuperSpeed

Il nuovo standard Usb 3.0

Le porte Usb di un computer sono ormai uno standard e servono a connettere un numero incredibile di periferiche, dalle più tradizionali, come stampanti o hard disk esterni, a quelle più originali come, ad esempio, lampade per illuminare la tastiera. Inoltre, sono presenti anche su tanti altri apparecchi come lettori Blu-ray, televisori e decoder digitali terrestri e satellitari.
Le prese Usb attuali sono la versione 2.0 e sono in grado di trasmettere dati sino alla velocità massima di 480 Mbit/s. Sino ad ora si è dimostrata più che sufficiente ma, soprattutto con l’avvento dell’alta definizione, sono adesso necessarie prestazioni superiori.
Per questo è nato lo standard Usb 3.0 SuperSpeed che sarà in grado di garantire prestazioni elevate, retrocompatibilità, risparmio energetico e massima disponibilità di corrente elettrica.

Fino a 5 Gbit al secondo
L’Usb 3.0 non è qualcosa del futuro, bensì del presente. Infatti, sono già in commercio cavi e periferiche in grado di supportare questa versione. L’Usb 3.0 consente una trasmissione di dati alla velocità massima di 5 Gbit al secondo, ossia di circa 640 Mb al secondo! È, quindi, il sistema di connessione più veloce attualmente esistete superando anche il SATA che si attesta intorno ai 300 Mb al secondo.
Un elemento importante è che le prese e le porte Usb 3.0 restano del tutto compatibili con la precedente versione Usb 2.0. Ciò vuol dire che possono essere utilizzate periferiche di ogni tipo su ogni tipo di presa, anche se, per godere delle velocità elevate della versione 3.0, tutti gli elementi della catena devono essere di questo tipo.
Per raggiungere queste elevatissime velocità di trasmissione dati, non sono utilizzati cavi a fibre ottiche. Sono, comunque presenti due doppini schermati, uno dedicato specificatamente alla trasmissione e uno alla ricezione.
La schermatura si rende necessaria perché, per avere queste velocità, si raggiungono frequenze dell’ordine dei gigahertz e bisogna, quindi, prevenire al massimo ogni possibile interferenza. Inoltre, il fatto che sia presente un cavo per la trasmissione e uno per la ricezione permette di effettuarle contemporaneamente e questo è uno degli elementi che consente il raggiungimento dei 5 Gbit al secondo.

Il nuovo standard Usb 3.0

I cavi diventano blu
Esteriormente, un cavo Usb 3.0 ha lo stesso aspetto di uno 2.0. Per differenziarli, i 3.0 sono realizzati in color blu, contro il nero, bianco e grigio degli Usb 2.0. Anche se l’aspetto è identico, una presa Usb 3.0 ha bisogno di cinque pin in più.
Lo spazio all’interno delle prese Usb 2.0 è, comunque, sufficiente per inserire questi cinque pin. Invece, saranno ampliati in altezza le prese Usb 3.0 per stampanti e hard disk esterni. Per quanto riguarda i connettori Micro Usb per fotocamere digitali e telefonini, non c’è spazio per i cinque pin in più, saranno, quindi, dotati di una sorta di appendice che li amplia in larghezza.

Risparmio energetico
L’introduzione degli Usb 3.0 SuperSpeed porterà anche a un buon risparmio energetico. Attualmente a una presa Usb 2.0 possono essere teoricamente connessi sino a 127 diverse periferiche. I dati in uscita sono trasmessi a tutti questi apparecchi, anche se poi ognuno utilizza solo quelli lui destinati. Con l’Usb 3.0, invece, una sorta di hub Usb suddivide i dati prima dell’invio indirizzandoli solo verso la macchina destinataria. Ciò vuol dire che le altre possono restare in modalità sleep che consente loro consumare pochissima energia, se non addirittura zero.
Poiché siamo in tema energetico c’è anche da considerare che, con lo standard Usb 2.0, ogni periferica può gestire un’intensità di corrente di 100 mA che può arrivare, come picco, sino a 500 mA. Con l’Usb 3.0 SuperSpeed, invece, questi valori salgono in maniera rilevante e ogni apparecchio può ricevere 150 mA con un’intensità di picco può arrivare a 900 mA.
Ciò permette di connettere a una presa SuperSpeed tutta una nuova serie di periferiche e, soprattutto, consente di stabilizzare l’intensità di corrente anche per quelle che potevano essere connesse a una Usb 2.0 garantendo, quindi, un costante livello energetico ed eliminando la possibilità che alcuni apparecchi rimangano senza corrente, come, purtroppo, a volte accade ora.

Il nuovo standard Usb 3.0

Conclusioni
È facile prevedere che il successo dello standard Usb 3.0 sarà rapido e immediato. I nuovi computer saranno presto dotati di queste porte e sarà anche facile aggiornare i PC esistenti tramite schede aggiuntive. Velocità e risparmio energetico sono le carte vincenti dell’Usb 3.0 SuperSpeed e presto ci scorderemo di tutte le precedenti versioni.
Se avete notato con curiosità qualche strano aggeggio da connettere a una presa Usb 2.0, sappiate che questo è solo l’inizio. Il fatto che le prese Usb SuperSpeed siano in grado di erogare un maggior livello energetico le renderà sempre più accessibili. Se un piccolo aspirapolvere per rimuovere le impurità che si sono infiltrate nella tastiera sino ad ora vi era parso poco potente, potrete presto acquistarlo con sicurezza e, forse, utilizzarlo anche per rendere scintillante la scrivania e non solo!