Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Telefonia e Smartwatch

Windows Phone 8, Microsoft parte all'attacco del mondo smartphone
30.10.2012 - Novità e anteprime

Windows Phone 8, Microsoft parte all'attacco del mondo smartphone



Dopo l’assaggio avvenuto a giugno con la presentazione delle prime caratteristiche di Windows Phone 8, Microsoft ha rilasciato ufficialmente, durante l’evento avvenuto il 29 di ottobre a San Francisco, l’evoluzione di Windows Phone 7, anche se sarebbe più opportuno considerare questa ottava versione come un nuovo inizio.
Benché infatti l’aspetto dell’interfaccia basata sullo stile Modern UI e i riquadri animati - che contraddistinguono anche Windows 8 per PC e tablet – sia derivata direttamente da Windows Phone 7, il primo sistema operativo Microsoft a mostrare questo stile originale e peculiare di incarnare il concetto di home screen, Windows Phone 8 si differenzia sin dalle fondamenta dal suo precursore, tant’è che non è installabile sui dispositivi Windows Phone usciti sinora, i quali godranno di un aggiornamento che li porterà dall’attuale versione 7.5 alla 7.8.


Prima di tutto WP 8 è basato sul kernel NT, lo stesso di Windows 8, una scelta resasi obbligatoria per garantire un ecosistema più coeso, con app facilmente trasportabili da un sistema operativo all’altro (Windows 8, RT, Phone 8) e kit di sviluppo delle applicazioni condivisi.
In secondo luogo WP 8 è studiato per sfruttare hardware di ultima generazione, come processori multi-core con architettura Qualcomm S4 Plus Snapdragon, schermi HD con risoluzione fino a 1.280x768 pixel, ripresa video Full HD, slot per schede di memoria microSD e chip NFC per le microtransazioni e l’accoppiamento senza fili con dispositivi compatibili - come ad esempio gli altoparlanti JBL Power Up per i Nokia Lumia 920 e 820 -, tutti requisiti che i terminali WP 7 non possiedono. Ovviamente la presenza o meno di queste feature sta alla volontà e scelta costruttiva del singolo produttore di integrarle tutte o in parte.


La vera forza di un sistema operativo mobile risiede però nelle funzioni che è in grado di offrire e dal numero e qualità di app disponibili, senza le quali anche il “pezzo di hardware” più evoluto risulta sostanzialmente inutile nell’uso quotidiano. Microsoft ha rinfrescato l’interfaccia principale, con i riquadri animati che possono essere impostati su tre diverse dimensioni: quadrato piccolo, quadrato standard e rettangolo, un ottimo modo per consentire una personalizzazione della home screen veramente a misura di utente e più ampia, grazie all’eliminazione della sottile striscia nera verticale che conteneva la freccia per passare, senza effettuare lo swipe del dito da destra a sinistra, all’elenco delle app installate.
Più completa, e anche in questo caso personalizzabile, la schermata di blocco, con le notifiche delle app preferite che compaiono nella parte inferiore dello schermo e l’intera schermata di blocco che può raffigurare elementi dinamici scelti dall’utente come ad esempio il calendario, la galleria foto o gli aggiornamenti delle notizie sportive.
Un’altra novità riguarda la sezione Contatti, con la rubrica che può essere divisa in gruppi impostabili a piacimento nei quali inserire gli amici, i familiari, i colleghi di lavoro e così via, secondo i propri gusti, e dare vita con estrema facilità a chat multiple testuali e vocali. Seguendo l’impronta fortemente social di Windows Phone 7, questa ottava versione integra nuove app dedicate a Twitter e Facebook, oltre alla perfetta fusione di Skype nel sistema operativo, tanto che non è necessario lanciare l’app, poiché le funzioni di chiamata e di messaggistica del popolare software VoIP sono sempre disponibili all’interno delle rispettive funzioni di telefonata e invio SMS/MMS del terminale.


Durante la presentazione hanno poi destato interesse le funzioni Kid’s Corner e Data Sense. Nel primo caso si tratta della possibilità di creare un accesso limitato allo smartphone attivando solo le app dedicate ai più piccoli, come giochi o programmi di apprendimento, impedendo però, ad esempio, l’accesso al browser IE 10 o alla mail.
Data Sense è invece una suite per gestire il proprio piano dati
e che consente di fissare soglie per le singole applicazioni o vedere in tempo reale sul riquadro animato nella home il consumo Internet, ma non solo, visto che integra una tecnologia di ottimizzazione dei dati scaricati dal web, che vengono compressi prima del download effettivo sul telefono così da permettere un risparmio di banda fino al 45%.
Purtroppo per funzionare Data Sense deve essere attivata anche dal gestore telefonico, quindi non è detto che al momento, in Italia, tale tecnologia sia utilizzabile. Microsoft non ha dimenticato l’ambiente business, offrendo con Windows Phone 8 la funzione di avvio (boot) sicuro e di crittografia BitLocker, oltre alla suite Office 2013 mobile preinstallata.

 

Capitolo finale ma non per questo meno importante (anzi) per quanto riguarda le app preinstallate e quelle disponibili sul Windows Store. Attualmente sono oltre 120.000 le applicazioni disponibili per Windows Phone 8, con Microsoft che ha espresso chiaramente l’intenzione di portare prima della fine dell’anno sul suo sistema operativo mobile almeno il 90% delle app di primo piano presenti sugli altri S.O.
Tra le app disponibili all’accensione di un terminale WP 8 spiccano il portafoglio virtuale nel quale gestire pagamenti e biglietti elettronici di ogni tipo tramite smartphone e chip NFC, la sezione Xbox con le funzioni Smartglass e Music per interfacciarsi con la console Xbox di casa e ascoltare musica in streaming, il rinnovato motore di ricerca Bing dotato di funzione di riconoscimento vocale e dettatura di SMS e mail con tanto di autoapprendimento da conversazioni precedenti, il Bluetooth sbloccato per trasferire file tra dispositivi compatibili e il multitasking completo con il pieno supporto alle applicazioni che girano in background.

VIDEO