Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Telefonia e Smartwatch

Le migliori app per catalogare le proprie collezioni di film, musica e libri
05.04.2012 - Guide e tutorial

Le migliori app per catalogare le proprie collezioni di film, musica e libri

App per catalogare le proprie collezioni

Il digital delivery, ovvero la possibilità di scaricare contenuti di vario genere da Internet e salvarli in formato digitale sul proprio dispositivo eliminando la necessità di passare dal supporto fisico, pur con la sua comodità di utilizzo, difficilmente riuscirà a soppiantare del tutto l'esistenza delle versioni "scatolate", che fanno la gioia dei collezionisti e di tutti coloro che amano non solo il contenuto, ma anche il contenitore, da mettere in bella mostra sulla mensola insieme agli altri film o CD preferiti, magari acquistati in edizione limitata, con un packaging speciale che dà soddisfazione solo a guardarlo.
Un piacere che non può essere ottenuto scaricando semplicemente l'opera che ci interessa - sia essa un film, un album musicale o un libro - che risiede silenziosa e impalpabile nel device che la ospita. Per tutti i collezionisti è però importante avere sempre sotto controllo l'elenco dei titoli posseduti, per poterne consultare le info desiderate in qualsiasi momento e gestire senza problemi eventuali prestiti fatti ad amici o parenti.
Questi appassionati amanti dell'ordine hanno quindi a disposizione svariate app sviluppate per i principali sistemi operativi mobili con le quali catalogare le collezioni più disparate: CD, DVD, Blu-ray, libri e anche videogiochi, fumetti o altri passatempo magari più insoliti, come i Lego.

App per catalogare le proprie collezioni

Tra gli sviluppatori più attivi per dispositivi Apple figura Hooked In Motion, società che ha realizzato un'intera serie di app chiamate iCollect e dedicate ai più svariati passatempi, che identificano anche il nome dell'app che può interessare. Abbiamo così iCollect Movies, Video Games, Books, Comic Books, Music e Legos.
Per tutte le app le funzioni di base sono condivise, come la ricerca tramite codice a barre, database, scansione tramite fotocamera e inserimento manuale, ricerca del titolo che si desidera prelevare dalla propria collezione usando svariati filtri, tra cui l'utile elisione, se desiderato, degli articoli determinativi e indeterminativi posti prima di un titolo (Il ne Il silenzio degli innocenti, ad esempio), presenza di copertine personalizzate, sincronizzazione tra tutti i dispositivi su cui è installata l'app, possibilità di editare e correggere dati errati oppure di inserire il film o il fumetto raro non presente nel database di iCollect, contribuendo così alla crescita dei titoli memorizzati.
Utile la sezione di noleggio e prestito, dove tenere traccia di quanto viene prelevato da una collezione, così come la possibilità di inserire titoli che si desiderano acquistare in futuro e da tenere d'occhio per eventuali sconti o ribassi.
Non manca poi il pieno supporto alle funzioni grafiche di iOS, come la visualizzazione tramite Cover Flow. Menzione doverosa per l'originale iCollect Legos, che consente proprio di tenere traccia di tutte le costruzioni Lego che si possiedono, da individuare tramite scansione o inserimento del barcode oppure cercando nel vastissimo database dell'app.

App per catalogare le proprie collezioni

My Movies Pro è invece dedicata esclusivamente al mondo del video, con un database di oltre 500.000 titoli di DVD e Blu-ray, con tanto di cover ad alta risoluzione e trailer integrati. Quando si seleziona un titolo da inserire nel proprio catalogo personalizzato è possibile filtrarlo immediatamente in liste ad hoc, come quella dedicata agli acquisti futuri, ai prestiti, alle vendite o ai noleggi.
Il catalogo o la singola collezione può poi essere esportata su PC, inviata via mail o pubblicata su Facebook. Disponibile sia per iPhone che Android, My Movies Pro esiste sia in versione gratuita con il limite di massimo di 50 titoli inseribili - utile per valutare le potenzialità dell'app -, che in versione a pagamento, senza alcun limite.
Dallo stesso autore del famoso iBookshelf è disponibile My Library,
che consente agli utenti di dispositivi mobili Apple di tenere traccia delle più svariate tipologie di suppporti ottici - CD, DVD, Blu-ray, HD DVD - e dei libri in proprio possesso o eventualmente prestati. L'app è stata testata per supportare anche database personali molto numerosi (8.000 e più voci) e i nuovi acquisti possono essere aggiunti cercandoli via Internet, sfruttando l'inserimento automatico via codice a barre attraverso la fotocamera o l'inserimento manuale. Ogni titolo può essere editato a piacimento, valutato e ogni collezione può essere salvata sul computer come backup o inviata via mail.

App per catalogare le proprie collezioni

Per Android è ben valutata su Google Play l'app Collectionista, che ha il pregio di essere gratuita e open-source, con l'autore che invita apertamente a contribuire al miglioramento e alla crescita dell'applicazione.
Collectionista utilizza i database di Google Books e Discogs per offrire un riconoscimento semplificato di libri e musica, ma possono essere anche inseriti DVD, Blu-ray e altri tipi di media posseduti. Interessante la possibilità di collegare un CD inserito in lista con una playlist del lettore musicale del terminale Android oppure la possibilità di condividere un oggetto presente nel proprio catalogo con un altro utente semplicemente fotografando il barcode generato dall’app, che effettua anche il backup completo sui server Google. 
Non manca infine un’app a pagamento per consentire agli utenti Windows Phone di catalogare le proprie collezioni di film. Con DVD Catalog è possibile infatti collegarsi ai server di www.MyDVDCatalog.com e iniziare a memorizzare i film posseduti, che possono poi essere consultati sia via web direttamente sul sito che scaricati e sincronizzati sul telefono. L’interfaccia è in perfetto stile Metro e tra le opzioni non manca la possibilità di segnare quali titoli sono stati dati in prestito.