Ultra HD: alla scoperta dello standard video di ultima generazione | Euronics
Tecnologia Facile
#tecnologiafacile

Audio e Video

Ultra HD: alla scoperta dello standard video di ultima generazione
03.12.2015 - Guide e tutorial

Ultra HD: alla scoperta dello standard video di ultima generazione

4K e Ultra HD sono i temi caldi di questo fine 2015 e saranno ancora più importanti il prossimo anno, con l’arrivo di tanti nuovi contenuti e l’uscita di tanti prodotti per vedere e registrare in 4K.

Alla scoperta di 4K e Ultra HD

Televisori (e non solo) con una risoluzione quattro volte superiore a quella del Full HD, per immagini tanto definite e dettagliate da sembrare reali e “tridimensionali”, anche senza bisogno degli occhialini. Merito dei pannelli Ultra HD utilizzati dai TV di ultima generazione, dotati di oltre otto milioni di pixel, equivalenti alla risoluzione di 3.840x2.160 pixel. Un altro pianeta se paragonati ai due milioni di pixel di un pannello Full HD da 1.920x1.080 pixel o, per meglio dire, il pianeta dell’Ultra definizione, il cui ecosistema di contenuti nativi in 4K continua a crescere grazie all’impegno delle principali emittenti televisive, dei nuovi servizi di streaming e della disponibilità di smartphone, videocamere e fotocamere che consentono a qualunque appassionato di riprendere in 4K e realizzare così contenuti personali e originali in Ultra definizione.

comparazione full hd e ultra hd

4K e Ultra HD, simili ma non uguali

Come evidenziato da una recente ricerca compiuta da Sony, le due sigle 4K e Ultra HD causano ancora una certa confusione nei confronti degli utenti, che le percepiscono come due entità distinte. Il che, volendo analizzare nel dettaglio la questione, è corretto, anche se entrambe indicano un contenuto video dotato di circa otto milioni di pixel e quindi circa quattro volte più risoluto rispetto al Full HD. Ultra HD è infatti il nome che la CEA, ossia la Consumer Electronic Association, ha scelto per definire tutti i TV dotati di formato 16:9 e risoluzione minima di 3.840 x 2.160 pixel, mentre 4K è il formato cinematografico digitale del contenuto audiovisivo originale, dotato di una risoluzione massima orizzontale di 4.096 pixel, quindi leggermente superiore rispetto ai 3.840 pixel dei TV.

4K e Ultra HD possono quindi essere usati nello stesso contesto per indicare all’incirca la stessa cosa, anche se sarebbe più corretto utilizzare Ultra HD quando si parla dei display di TV o di altri device consumer come tablet, smartphone e così via e parlare di 4K quando si identificano i contenuti digitali originali, che vengono leggermente adattati prima di arrivare sui nostri schermi Ultra HD.

i vari formati video

Dove trovare contenuti 4K

Anche la migliore tecnologia o il miglior prodotto non ha possibilità di successo se non è supportato da contenuti in grado di giustificarne l’impiego o l’acquisto. Per questo motivo nel corso di tutto il 2015 c’è stata un’impennata vertiginosa nella disponibilità di contenuti 4K, e il 2016 si preannuncia come l’anno della definitiva consacrazione dell’Ultra HD e del 4K. Le fonti principali dalle quali attingere sin da subito e prossimamente a contenuti 4K sono Internet e i canali satellitari. Nel primo caso abbiamo piattaforme di streaming on demand come Mediaset Infinity, Chili e Netflix oppure siti come YouTube e Vimeo, mentre sul satellite i contenuti più sostanziosi arriveranno con l’adozione da parte di Sky di un nuovo decoder abilitato al 4K, chiamato Sky Q, che uscirà inizialmente nel 2016 in UK e a seguire anche in Italia.

netflix 4k

Per gli amanti dei supporti fisici, all’inizio del 2016 sono previsti poi i primi lettori e film certificati Ultra HD Blu-ray, l’evoluzione del supporto che ci ha fatti passare dalla definizione standard del DVD al Full HD, ancora più capiente così da contenere film dall’elevatissimo bitrate per una qualità audio/video di riferimento. Infine, un’ottima fonte di contenuti 4K è il PC gaming, visto che un computer con una configurazione hardware di alto livello può gestire videogame in 4K, tanto che molti sviluppatori realizzano i giochi con in mente già questa risoluzione, selezionabile ad esempio in The Witcher 3: Wild Hunt, Dying Light e GTA V.

Ultra HD Blu-ray logo

Dove vedere i contenuti 4K

TV, smartphone e monitor PC sono solo alcuni degli apparecchi che ci permettono di vedere contenuti 4K al massimo della qualità possibile. Tutti i maggiori produttori hanno infatti a catalogo una o più serie di televisori Ultra HD, piatti o curvi, con tecnologia LCD LED oppure, nel caso di LG, OLED, come il 55EG910V, al quale abbiamo dedicato un approfondimento.

lg 55EG910V

Nel settore mobile pochi produttori si sono spinti a includere la risoluzione Ultra HD in apparecchi con schermi che vanno dai 5 ai 10 pollici circa. Sony all’IFA 2015 ha stupito tutti con Sony Xperia Z5 Premium, il primo smartphone al mondo con Triluminos Display 4K da 5,5”, mentre tra i tablet non ci sono ancora prodotti con display Ultra HD (se si esclude un tablet Panasonic da 20” per il mercato professionale che costa più di 5.000 euro), anche se le alternative con schermi molto risoluti non mancano, come ad esempio il Samsung Galaxy Tab S 8.4 dotato di display da 8,4” con 2.560x1.600 pixel, l’Asus ZenPad S 8.0 con schermo da 8” e 2.048x1.536 pixel oppure l’iPad Pro da 12,9” con 2.732x2.048 pixel.

apple ipad pro

C’è poi il variegato ambito informatico, con PC all-in-one e monitor con risoluzioni Ultra HD, ottimi per vedere i contenuti 4K distribuiti in streaming. Recentemente Apple ha rinnovato la gamma di iMac da 21,5 e 27 pollici, offrendo l’opzione di acquistare il modello da 21,5” anche con display Retina 4K da 4.096x2.304 pixel, oltre ai nuovi modelli da 27” con display Retina 5K da 5.120x2.880 pixel.

famiglia computer acer predator

Come creare i propri contenuti 4K

Avere a disposizione uno schermo Ultra HD ci consente anche di vedere al meglio i contenuti creati da noi stessi grazie ai molti dispositivi in grado di registrare video 4K, come smartphone, action cam, videocamere e fotocamere. Grazie infatti ai sensori sempre più ricchi di Megapixel e ai potenti processori di elaborazione dell’immagine integrati, anche device tuttofare come gli smartphone sono in grado di catturare video 4K a 30 fps e basta rivolgersi ai migliori modelli dei più famosi costruttori per trovare il modello più adatto alle proprie esigenze.

Sony Xperia Z5 Premium

Molto ampia anche la scelta nel settore action cam dove, a fianco del leader di settore GoPro, che ha a catalogo ad esempio la HERO4 Black in grado di registrare in 4K a 30 fps, trovano spazio soluzioni alternative come la TomTom Bandit o la Sony FDR-X1000V. Chiudiamo infine la rassegna dei dispositivi più comuni con i quali realizzare video in 4K con le fotocamere, che da ormai un paio di anni mettono a frutto i loro sensori estremamente risoluti non solo per catturare foto da decine di Megapixel ma realizzare video, anche in 4K appunto. Dalle compatte di fascia alta alle Compact System Camera per terminare con le reflex, la registrazione 4K è assolutamente trasversale e alla portata di tutte le tasche.

gopro HERO4 Black